L’elicord

Un’altra strategia per azzerare il rischio di elettrocuzione è quella di isolare singolarmente i conduttori, attraverso l’intrecciamento attorno ad un cavo portante in acciaio (spesso applicato nelle linee di Media Tensione). Si forma dunque una filo spesso di 6-7 cm, detto rispettivamente “precordato” o “elicord”, che non presenta alcuna dispersione di corrente e, tra l’altro, aree a differenza di potenziale.

Il ricorso a questo tipo di cavi avviene di norma sempre più frequentemente da parte delle compagnie elettriche; infatti, l’utilizzo dell’elicord è tra le misure all’avanguardia assieme all’interramento.

A titolo d’esempio, Enel Distribuzione utilizza il precordato su 32,5 % delle linee di media tensione in Italia ed sul 78,7 % di quelle di bassa (Enel – Rapporto Ambientale 2010).